Liceo Scientifico "Gregorio Ricci Curbastro"

LICEO di LUGO

Liceo Scientifico St. G. Ricci Curbastro con sez. annessa di Liceo Classico Trisi-Graziani

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Vita della scuola Vita della scuola Una giornata con i ragazzi della comunità di San Patrignano

Una giornata con i ragazzi della comunità di San Patrignano

Nel giorno 30 Ottobre 2017, gli studenti delle classi 4ASU, 4BSU, 4CSU del liceo G. Ricci Curbastro indirizzo delle Scienze Umane hanno partecipato alla visita guidata presso la comunità di recupero di San Patrignano, accompagnati dai professori Ancarani Miriam, Sikorski Marco, Poli Dolores, Casamenti Daniela, Tampieri Angela e Farina Susanna.
Durante la mattinata hanno visitato alcuni luoghi della comunità come la cantina, la distilleria, la pelletteria e il laboratorio della carta da parati accompagnati dai ragazzi ospiti della comunità.

 

 

Dopo avere pranzato nella loro mensa, ci siamo trasferiti nel teatro ed abbiamo partecipato al progetto "Wefree"realizzato dalla comunità e ascoltato la storia personaledi un ragazzo: il suo vissuto, gli incontri sbagliati, la sofferenza fino alla decisione di entrare a San Patrignano, una storia toccante che  ha  lasciato spazio a molti interventi da parte di noi studenti.

Questa esperienza è stata molto interessante poichè ci ha permesso di comprendere una realtà di recupero molto complessa, ciò che ha colpito molto noi studenti è il faticoso percorso di riabilitazione che ogni ragazzo della comunità deve compiere.

Un lavoro su sè stessi che si basa sul recuperare la propria dignità, integrità fisica e morale, sulla capacità di iniziare a sentire sensazioni, emozioni che, a causa delle dipendenze, erano svanite.

Le nostre impressioni su questa visita sono quindi molto positive, soprattutto per la disponibilità e la sincerità degli accompagnatori (usciti dal tunnel delle dipendenze), che hanno saputo rispondere in modo diretto e senza filtri alle nostre curiosità, anche se personali, anche se dolorose da riportare alla mente, perchè è a partire anche dalla condivisione che si può fare prevenzione.

Michela L.

Ultimo aggiornamento Giovedì 23 Novembre 2017 11:37